Nazca, i misteri delle linee

dire_14911912_09380“Erano cammini sacri” In Perù quasi 2000 anni fa gli indigeni tracciarono strade a forma d’animali. E le teorie sugli extraterrestri… ROMA – È il mistero più dibattuto della civiltà precolombiana: le linee di Nazca, nel Perù meridionale, si estendono per 400 chilometri quadrati. Ma per ammirarle bisogna salire su un piccolo aereo o su una mongolfiera. E per capirle va fatto un salto nel tempo di oltre 2000 anni. L’archeologo Tomasz Gorka, dell’università di Monaco, come riferisce la rivista New Scientist, è arrivato a una conclusione: il colibrì, la scimmia, il ragno, il condor e tutte le altre figure erano il tracciato di cammini sacri. Vanno in archivio, fino a prova contraria, le teorie sull’arrivo di extraterrestri o creature sconosciute. Anche se il dubbio resta: enormi disegni visibili solo dall’alto, nessuna montagna nelle vicinanze. Uno spettacolo affascinante che attira migliaia di turisti ogni anno.

LE IMMAGINI DI NAZCA

“Le linee di Nazca erano dei sentieri rituali, questo è già stato segnalato in passato – spiega Giuseppe Orefici, direttore del Centro Italiano Studi e Ricerche Precolombiane – la simbologia raffigurata è infatti la stessa che troviamo sugli oggetti di terracotta. Si tratta di immagini che invocano la divinità, realizzate con un sistema molto semplice, cioè rimuovendo le pietre contenenti ossidi di ferro dalla superficie del deserto”.

Gorka ha analizzato cinque geoglifi, concentrandosi sulle figure trapezoidali e misurando le anomalie del campo magnetico terrestre provocate da alcuni cambiamenti della densità del suolo a varie profondità. Lui e la sua équipe hanno percorso l’intero sito archeologico palmo su palmo con rilevatori terrestri manuali. “Abbiamo trovato molte altre linee – ha spiegato – all’interno delle figure trapezoidali, che non è possibile vedere neppure dall’alto. I geoglifi che osserviamo oggi sono l’ultimo stadio di un lungo processo di costruzione durante il quale l’intero complesso di disegni è stato costantemente modificato, rimodellato, cancellato e stravolto da un utilizzo progressivo”.

Sara ficocelli

repubblica.it

Nazca, i misteri delle linee ultima modifica: 2009-01-29T13:37:39+00:00 da giusparsifal
About the Author
giusparsifal