Parlamentare raccoglie i dubbi globali sul 9/11

Il Giornale Online

di John Spiri
Speciale per il The Japan Timese

In un articolo di settembre 2003 del The Guardian, Michael Meacher, che ha operato come ministro dell'ambiente per Tony Blair da maggio 1997 a giugno 2003, ha sconvolto la classe dirigente, chiamando la guerra globale al terrorismo una “falsità”. Ancora più controverso, ha reso implicito che il governo U.S. abbia o permesso gli avvenimenti dell' undici settembre o giocato qualche ruolo nella distruzione di quel giorno.

Oltre a Meacher, pochi politici hanno messo in dubbio pubblicamente la versione ufficiale americana sui fatti dell'undici settembre, fino al momento di Yukihisa Fujita. Nel gennaio 2008 Fujita, membro del partito Democratico del Giappone, ha chiesto al Parlamento Giapponese e al Primo Ministro Yasuo Fukuda, di spiegare le falle della versione ufficiale dell'undici settembre, che vari gruppi, inclusi quelli che si definiscono il “Movimento per la Verità del 911” affermano di aver esposto.

Fujita, insieme a un numero crescente di individui, inclusi politici Americani ed Europei, stanno per condurre una investigazione profonda e indipendente di quello che accadde l'undici settembre 2001. “Tre o quattro anni fa vidi alcuni video su internet come “Loose Change” e “911 in Plane Site” e ho iniziato a fare domande,”, ha detto Fujita in una intervista, “ma ancora non potevo credere che questo potesse essere stato alcuno al di fuori di al-Qaida.”

“Lo scorso anno ho visto altri video e ho letto libri scritti dal professore David Ray Griffin (professore emerito di filosofia di religione e teologia all'Università Claremont Graduate, che ha scritto il più famoso libro per il Movimento della Libertà, “The New Pearl Harbor”), su cose come il collasso del World Trade Center No.7. Questa costruzione, che non è stata colpita da aeroplani, ha collassato. Tra i video che mostrano com'è caduto e i numerosi rapporti di esplosioni, molti sono convinti che sia stato demolito.”

La presentazione di Fujita e l'intervento di Fukuda, hanno portato attenzione su un altro aspetto dell'undici settembre, che molti nel mondo trovano sospetto: l'impatto sul Pentagono. “Non penso che un 767 possa aver colpito il Pentagono,” dice Fujita. “Non ci sono prove dello stesso aereo. Non è rimasto nulla di identificabile sul campo o dentro. La storia ufficiale afferma che l'aereo si è disintegrato, ma i motori in particolare erano molto resistenti (due turbine al titanio da 6 tonnellate). Il danno alla costruzione è più piccolo del supposto aereo. Le affermazioni ufficiali non corrispondono ai fatti.”

Mentre alcuni definiscono “teorie complottistiche” le critiche alla versione ufficiale dell'undici settembre, “Fujita ha una compagnia impressionante. Un ex Generale, Albert Stubblebine, che è stato comandante generale nell'Intelligence dell'Esercito USA e della Sicurezza fino al 1984, è citato sul sito “Patriots Question 911”: “Guardo il foro nel Pentagono e la dimensione dell'aereo che avrebbe colpito il Pentagono. E dico, “L'aereo non passa nel foro.”

“Quindi cos'ha colpito il Pentagono? Cosa? Dov'è? Cos'è successo?”

Fujita ha richiesto urgentemente risposta all'amministrazione Bush, tramite la consegna dei video che mostrano l'aereo che ha colpito il Pentagono. In risposta, sono state fornite solo poche scadenti immagini al pubblico. Ancora più sconcertante, molti video ripresi da videocamere nella zona, sono stati confiscati dall'FBI immediatamente dopo l'esplosione al Pentagono.

L'incidente in Pennsylvania, come l'esplosione al Pentagono, non ha lasciato parti dell'aereo sul sito. Sono stati trovati piccoli pezzi a 10km di distanza. La storia ufficiale, per la quale l'aereo sarebbe “vaporizzato” cadendo a terra, è incosistente in base ai resti lasciati in altri incidenti aerei nella storia dell'aviazione. Gli aerei caduti lasciano sempre dei frammenti, ha spiegato Fujita, che possono identificare l'aereo tramite il numero di serie, ma questo non è il caso dei quattro aerei che sono esplosi l'undici settembre. Stranamente, il governo USA ha fornito passaporti e dna degli individui morti, ma nessuna parte identificabile dell'aereo. In un articolo online intitolato “Physics 911”, un veterano dell'Air Force USA, Col. George Nelson, ha fatto notare che, “Sembra che….che tutte le potenziali prove siano state deliberatamente tenute lontane dal pubblico.”

Fujita ha largamente esaminato grandi quantità di video e materiale scritto e pubblicato in libri e su internet, incluso il sito “Patriots Question 911”, su cui centinaia di associazioni si sono sollevate contro la storia ufficiale, composte da ufficiali dell'esercito, dei servizi di intelligence, delle forze dell'ordine, del governo, così come da piloti, ingegneri, architetti, vigili del fuoco e altri.

Mentre non molti altri giapponesi si sono interessati alla storia, pochi notevoli individui a fianco di Fujita hanno messo in questione la versione del governo USA, incluso Akira Dojimaru, scrittore Giapponese che vive in Spagna. Nel suo libro, scritto in Giapponese, “The Anatomy of the WTC Collapses: Flaws in the Government's Account”, ha inserito foto, disegni e stampe delle costruzioni del WTC, per supportare le sue affermazioni per cui le costruzioni uno e due, non avrebbero potuto cadere a causa degli aerei e dei conseguenti incendi.”E persino se fosse concepibile che possano essere caduti a causa del danno quel giorno”, ha scritto Dojimaru in una e-mail, “non sarebbero potute cadere orizzontalmente e avrebbero espulso pezzi d'acciaio e di cemento più lontano di 100 metri.”

Per Fujita, la ricerca meticolosa di Dojimaru, insieme ai siti citati sopra, lo hanno convinto che la storia ufficiale non fosse niente di meno che una casa di carte. Un libro che non ha convinto Fujita, è stato il “9/11 Commission Report”.
“Il capo della Commissione per l'undici settembre è in rapporti stretti con Condoleeza Rice (Segretario di Stato USA) e Cheney (Vice Presidente). Un membro della commissione (Senatore Max Cleland) si è dimesso, dicendo che “la Casa Bianca non ha rilasciato alcuna informazione.”

Allo show Democracy Now nel marzo 2004, Cleland si è spinto a dire, “Questa Casa Bianca li vuole coprire (i fatti dell'undici settembre).” Più recentemente, un articolo del New York Time di gennaio, ha citato Thomas Kean, il presidente della Commissione per l'undici settembre, nel dire che “la CIA ha distrutto le interrogazioni registrate degli operativi di Qaeda”, e concludendo che questo “ha ostruito la nostra investigazione”.

Seguendo la spinta di Fujita, Karen Johnson, senatrice Repubblicana conservativa dell'Arizona, ha pubblicamente espresso i suoi dubbi sull'undici settembre, davanti al Senato USA. Inspirata da Blair Gadsby, che il 27 maggio ha spinto con forza per attirare attenzione sul 911 Truth Movement, la Johnson, come Fujita, ha incoraggiato i politici a condurre una investigazione approfondita e indipendente.

Fujita, che ha lavorato per più di 20 anni per il gruppo NGO (risoluzioni di conflitto internazionale) e l'Associazione Giapponese AAR (Aid and Relief), è divenuto celebre per la causa internazionale da quando ha messo tutto in discussione al Diet. Nel febbraio 2008, ha partecipato in una conferenza al Parlamento Europeo guidato da Giulietto Chiesa, per richiedere una commissione indipendente di indagine sull'undici settembre. Mentre in Europa, ha incontrato il guppo NGO, con membri da 11 paesi Europei, per discutere sull'undici settembre.

Un mese dopo, Fujita ha parlato alla conferenza “Truth Now” di Sydney, Australia. Un punto di discussione di queste riunioni è stato il documentario italiano “ZERO”, il quale rilascio ha portato per la prima volta il messaggio del movimento per l'undici settembre, dal mondo cibernetico a quello pubblico. Fujita ha anche parlato sui dubbi dell'undici settembre in due show radio USA, uno condotto dal candidato presidenziale Repubblicano, Ron Paul e l'altro da Alex Jones di infowars.com.

Sta increspando le onde anche in Giappone. Fujita è stato inserito in un articolo del 2 marzo, dal famoso critico Takao Iwami su “Come gestire i dubbi sull'undici settembre” nel settimanale Sunday Mainichi. Lo è stato anche per il magazine Spal, che il 26 marzo esponeva il titolo, “Conferenza Europea discute dubbi sull'undici settembre.”

Comunque, non tutti sono affascinati sulle richieste di Fujita.

“Una persona ha mostrato forte rabbia contro di me,” dice Fujita, “un'altra (persona Giapponese), mi ha minacciato di morte. Pochi altri mi hanno avvisato di stare attento.” Ancora, Fujita dice, la vasta maggioranza, circa il 95%, ha reagito positivamente.

“Un uomo ha detto, “Sei un vero samurai”. Un altro uomo è arrivato da Okayama, nel Giappone occidentale, per ringraziarmi personalmente. Tra gli altri membri del Parlamento, ho ricevuto solo parole di incoraggiamento e supporto.”

Mentre in Europa, Fujita ha incontrato l'ex MP inglese Meacher, che ha osato mettere in questione la storia ufficiale quando era ancora considerata vangelo. Col tempo la guerra in Iraq e video online di valida fonte, hanno spinto molte persone, inclusi politici, a farsi avanti dal mondo cibernetico, per dare voce ai loro dubbi nei giornali, magazines, teatri e, cosa più importante, camere governative.

“Ora Blair è andato e Bush andrà molto presto,” ha detto Meacher a Fujita. “Il nostro tempo sta arrivando”.

Fonte: http://search.japantimes.co.jp/cgi-bin/fl20080617zg.html

Argomenti correlati:

Tutto quello che le televisioni non ci hanno raccontato sui fatti di quel giorno

La controinchiesta di un grande giornalista

Parlamentare raccoglie i dubbi globali sul 9/11 ultima modifica: 2008-06-20T08:34:42+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)