Piramidi di Visoko, nuovi risultati

Piramidi di Visoko

Piramidi di Visoko

Il progetto archeologico più attivo al mondo si prepara a chiudere la stagione 2014 il 21 settembre. Un totale di 375 persone hanno partecipato da 29 paesi in una stagione di quattro mesi d’indagine. L’indagine quest’anno si è concentrata in tre aree principali:

  • l’accumulo di materiali culturali a sostegno di attività umane nel lontano passato;
  • caratterizzazione e analisi dei materiali;
  • conservazione di elementi archeologici.

La Valle bosniaca delle Piramidi copre circa 40km^2, comprende 6 strutture principali e il complesso del tunnel sotterraneo. Si trova 30 km a nord della capitale Sarajevo, Bosnia-Erzegovina, nella città di Visoko. La ricerca nel complesso del tunnel di Ravne si è concentrata sull’individuazione di attività culturali a sostegno della costruzione umana e della teoria dell’occupazione. “Abbiamo chiara evidenza di materiali da costruzione concentrati intorno ad una zona conosciuta come Monolite k5, sepolto a 200m nella terra”, ha commentato il Direttore Timothy Moon. Il megalite K5 è di un materiale ceramico all’esterno, è posizionato nel piano del complesso del tunnel a pochi metri del centro al di sopra della falda. Il Monolite è in realtà una mega ceramica, è sepolto sotto centinaia di migliaia di tonnellate di conglomerato depositato a un certo punto nel lontano passato. Si stima che abbia una massa superiore a 100 tonnellate. “Pietre di fondazione e grandi blocchi sono stati localizzati sulla parte superiore della struttura archeologica, cosa che stabilisce il suo utilizzo da parte dell’uomo primitivo come sito professionale o cerimoniale. Nelle immediate vicinanze abbiamo trovato 8 blocchi di pietra modificati e oggetti d’arte “- dice Moon.

La datazione al carbonio 14 nel 2013 ha fornito un riferimento temporale di 20,100BP (before present). Queste scoperte confermano l’attività umana nel sito prima della deposizione di milioni di tonnellate di conglomerato. Ulteriori indagini sono in corso all’interno del labirinto. Una sezione di 70m di gallerie antiche è in fase di scavo seguendo 3 punti, 1 conservazione dell’architettura originaria, design e ingegneria, 2 profili di datazione al sistema di tunnel, 3 esplorazione del collegamento alle gallerie di accesso alle piramidi. Nel mese di luglio una squadra di sommozzatori guidata dal dottor Semir Osmanagich, scopritore e ricercatore principale e Timothy Moon, direttore archeologico, è entrata in una sezione di 200 m di acqua in profondità all’interno del labirinto sotterraneo per indagare sui suoi parametri. Del materiale da stalattiti è stato recuperato nel processo e presentato per la datazione negli Stati Uniti. Il materiale è importante in quanto stabilisce una firma temporale minima prima della quale il sistema di tunnel esisteva, cioè le stalattiti si possono formare solo dopo la costruzione del tunnel. I risultati delle analisi al carbonio 14 certificano una data calibrata di 7,400BP. Per espandere su questa data devono essere fornite considerazioni sul tasso di crescita e la massa della stalattite. Un campione di 30 millimetri è stato recuperato dalla estremità esposta e distale di un cristallo nel soffitto di 125 mm di lunghezza. Ciò fornisce un ulteriore indizio per l’antichità del sistema di tunnel ora stimata oltrei 22,000BP.

La Fondazione Piramide Bosniaca ha stabilito per le fasi costruttive per le caratteristiche piramidali una datazione di circa 30,000BP e una complementare serie di date per il labirinto di tunnel che risale ai 20,100BP. Le piramidi bosniache rappresentano una antica civiltà da un periodo precedente l’ultima era glaciale, un periodo in cui gli homo sapiens sapiens si suppone fossero nomadi cacciatori-raccoglitori che vivevano in bande sciolte carenti nell’organizzazione e non in possesso conoscenze necessarie per costruire l’architettura megalitica.

“Ancora una volta, questo progetto archeologico presenta prove scientifiche a sostegno di una grande civiltà esistente nel tempo pre-diluviano. L’accumulo di dati scientifici, beni culturali e caratteristiche archeologiche semplicemente non può essere ignorato più dall’accademia, farlo significa negare al popolo del Mondo una verità. Siamo impegnati a perseguire la valutazione scientifica a sostegno delle strutture antiche e annunciamo questi risultati come prova di una civiltà veramente antica, avanzata e dimenticata”, dichiara Moon.

Timothy Moon

Archaeological Project Manager

Archaeological Park

Bosnian Pyramid of the Sun Foundation

Bosnia Herzegovina
piramidasunca.ba

Piramidi di Visoko, nuovi risultati ultima modifica: 2014-10-04T22:31:33+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)