Ritrovato disco con alcuni simboli criptici

Degli archeologi nel Caucaso occidentale hanno trovato un disco di pietra dell'Età del Bronzo con simboli misteriosi, durante degli scavi.
La notizia è stata riportata all'Istituto di Storia e Cultura Materiale dell'Accademia delle Scienze Russa. Un disco di pietra con caratteri unici, è stato trovato nelle vicinanze del villaggio Aguy-Shapsug (distretto di Tuapse nella regione di Krasnodar), durante una ricerca, a tre metri sotto il suolo. Nel centro del disco di 27cm di diametro si trovano alcuni caratteri dal significato non chiaro.

“Tale scoperta per noi è stata totalmente inaspettata, ha detto il capo della spedizione archeologica Victor Trifonov. Speriamo di trovare altre informazioni per capire il significato dei simboli lasciati da questo popolo, in questa scrittura sconosciuta, non è facile”, ha detto.

Trifonov ha suggerito che “giudicando dalla forma dei segni, alcuni possono indicare la luce celeste, il Sole e la Luna e il disco può essere uno strumento per la divinazione astrale. E' possibilie che la chiave per capire i segni del disco sacro, possa essere l'antica simbologia dei linguaggi simili a quello moderno (Adyghe, Abkhaz, Circassian e Kabardian). Sembra che si tratti del popolo antenato a quello che ha costruito i dolmen.”

Secondo Trifonova, “In questa zona per uniche circostanze climatiche nell'era del bronzo, sono avvenute potenti valanghe di argilla, sabbia e ciottoli.”
Quindi questo dramma dell'Era del Bronzo si è trasformato in una scoperta archeologica per gli studiosi di S.Pietroburgo. Secondo gli scienziati, la scoperta della “guida astrale”, sicuramente porta nuova luce sull'origine delle persone, della costruzione dei dolmen e sul significato dei simboli sulle mura di queste costruzioni nella forma di pittogrammi e glifi.

09-01-2008
Nikolai Krupenik
www.nkj.ru

Fonte: http://www.nkj.ru/news/14260/

Ritrovato disco con alcuni simboli criptici ultima modifica: 2008-09-14T18:33:08+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l’incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all’autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)