Una "forza di luce" repulsiva

Il Giornale Online
E' stata osservata su un chip al silicio dividendo un fascio di radiazione infrarossa in due sottofasci forzati poi a percorrere cammini di differenti lunghezze in nanocavi al silicio.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Yale ha scoperto una forza “repulsiva” della luce che potrebbe essere utilizzata per controllare componenti su microchip al silicio, aprendo la strada a futuri nanodispositivi che potrebbero essere controllati dalla luce invece che dall’elettricità.

Gli stessi studiosi in passato avevano scoperto una forza attrattiva della luce, dimostrando come essa possa essere sfruttata per muovere componenti nei sistemi micro- e nano elettrici basati su semiconduttori. Ora, in sostanza, hanno annunciato la scoperta di un fenomeno complementare, già previsto per via teorica ma mai osservato direttamente.

Secondo quanto riporta un articolo pubblicato “Nature Photonics” il gruppo guidato da Hong Tang, professore associato della School of Engineering & Applied Science dell’Università di Yale, si tratterebbe “di una forza luminosa bipolare, la cui componente repulsiva è differente dalla ben nota pressione di radiazione, che agisce su un oggetto su cui incide la luce: essa infatti è in direzione ortogonale rispetto alla direzione di propagazione della luce stessa.”

Al fine di ottenere la forza repulsiva su un chip al silicio, il gruppo ha separato un fascio di radiazione infrarossa in due sotto-fasci, forzati poi a percorrere cammini di differenti lunghezze in un nanocavo. Come risultato, i due fasci si sono sfasati l’uno rispetto all’altro, determinando una forza repulsiva con intensità direttamente proporzionale allo sfasamento. Proprio questa circostanza permette il controllo della forza con notevole precisione da parte degli sperimentatori.

Fonte: http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Una__forza_di_luce__repulsiva/1339228

Una "forza di luce" repulsiva ultima modifica: 2009-07-16T07:01:44+00:00 da Richard
About the Author
Richard

Noi siamo l'incarnazione locale di un Cosmo cresciuto fino all'autocoscienza. Abbiamo incominciato a comprendere la nostra origine: siamo materia stellare che medita sulle stelle. (Carl Sagan)