Un "nuovo" modello di atomo

Il Giornale Online
di Corrado Ruscica

Secondo studi recenti, la nostra visione classica dell'atomo potrebbe cambiare. Alle minime distanze, quando i nucleoni si trovano quasi a contatto, la situazione che emerge risulta molto dinamica e la struttura della materia sembra modificarsi.

Sin dai tempi di Democrito è noto che l'atomo è un 'mattone' fondamentale della materia e a scuola ci insegnano che è composto sostanzialmente da elettroni che orbitano attorno ad un nucleo molto denso costituito, a sua volta, da protoni e neutroni, quest'ultimi detti anche nucleoni. Oggi, grazie ad una collaborazione tra il Dipartimento di Energia di Argonne e i Laboratori Nazionali Thomas Jefferson, è stato dimostrato che in realtĂ  la nostra visione classica dell'atomo sembra essere completamente diversa. “Di solito, ci immaginiamo il nucleo come una struttura fissa composta da un insieme di particelle ma in realtĂ  c'è una situazione molto dinamica che avviene a livello subatomico e che non siamo in grado di vedere direttamente con un microscopio”, spiega John Arrington. Secondo i ricercatori, ciò che emerge è il fatto che un quarto dei nucleoni supera la velocitĂ  della luce del 25% che pare essere correlata all'interazione forte tra i quark, di cui sono composti i nucleoni, quando essi vengono a 'contatto'. Di fatto, nel momento in cui i nucleoni si trovano alla minima distanza, le forze che tengono uniti i quark possono, per così dire, spezzarsi momentaneamente modificando così la struttura stessa dei protoni e dei neutroni. Il passo successivo è ora quello di studiare ancora piĂą in dettaglio la distribuzione dei quark quando i nucleoni si trovano, appunto, a distanze molto ravvicinate.

Fonte: http://astronomicamentis.blogosfere.it/2012/03/un-nuovo-modello-di-atomo.html http://www.anl.gov/Media_Center/News/2012/news120301.html
Vedi: http://www.link2universe.net/2010-08-30/nuova-scoperta-potrebbe-sfidare-lattuale-teoria-sul-nucleo-atomico/ http://www.ilsussidiario.net/News/Scienze/2010/9/14/FISICA-Si-fa-presto-a-dire-caos-i-nuclei-atomici-sono-piu-intelligenti-del-previsto/112426/