Ribes Nero, un antiallergico che protegge i capillari

Il ribes nero (Ribes nigrum), è un arbusto che cresce nel centro dell’Europa e nelle zone montuose euroasiatiche e può raggiungere un altezza fino a 2 metri. Il ribes è forse più conosciuto per le tipiche bacche utilizzate in gastronomia e dall’industria dolciaria che non come pianta medicinale; invece è molto usato in fitoterapia per la presenza di vari tipi di costituenti chimici. Le parti utilizzate sono le bacche (che contengono antociani, flavonoidi, procianidine e vitamine), le foglie (polifenoli e triterpeni) e i semi (elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi). Ultimamente sono state studiate anche le gemme fresche e in particolare il suo olio essenziale.

[u]I frutti del ribes[/u] sembra che agiscano a livello [color=#ff0000]circolatorio [/color]e sono molto [color=#ff0000]attivi nell’insufficienza venosa, nella fragilità capillare, contro le emorroidi e per aumentare la visione notturna[/color] come con, ad esempio, il mirtillo. Gli antociani conferiscono all’estratto una marcata proprietà angioprotettiva in vivo. Hanno [color=#ff0000]proprietà antiossidanti [/color]dovute ai flavonoidi e alle vitamine. Gli antociani inoltre, associati per esempio al pungitopo, agiscono sui [color=#ff0000]disturbi dell’insufficienza venosa (dolore, edema) e sulla microcircolazione capillare.[/color]
[u]Le foglie[/u] possiedono un’[color=#ff0000]azione diuretica[/color], [color=#ff0000]antireumatica e antinfiammatoria.[/color] La forte diuresi porta ad una maggiore eliminazione di acidi urici, mentre l’azione antinfiammatoria riduce il numero dei macrofagi, responsabili del processo infiammatorio. Accanto a questi effetti antiinfiammatori si evidenziano anche [color=#ff0000]effetti analgesici [/color]paragonabili a quelli dei FANS, ma senza i loro effetti collaterali. La tradizione attribuisce alle foglie un’[color=#ff0000]azione leggermente ipotensiva.[/color]
[u]I semi [/u]contengono acido gamma- linolenico (omega 6) e sono usati soprattutto [color=#ff0000]contro le manifestazioni allergiche[/color]. Insieme all’olio di Borragine e all’olio di Enotera sono le maggiori fonti vegetali di questo acido.
[u]Il gemmoderivato[/u] di ribes ha una [color=#ff0000]potente azione antiallergica e antinfiammatoria. [/color]I principi contenuti in queste gemme avrebbero un [color=#ff0000]effetto simile al cortisone[/color] (stimolando la corteccia surrenalica) ma non gli effetti collaterali che sono: iperglicemia, ritenzione di sodio (e di conseguenza di liquidi), ipertensione, osteoporosi, ulcera, pancreatite, diabete e glaucoma. Molti ricercatori però sono convinti che non vi siano ancora abbastanza riscontri scientifici per tali affermazioni.
Anche se non ci sono particolari controindicazioni per l’assunzione di ribes nero (se non per l’ipersensibilità accertata verso i suoi principi attivi) non dovrebbe essere usato da persone soggette a pressione alta, e usato con cautela dalle donne in gravidanza o in allattamento: come sempre è fondamentale rivolgersi al proprio medico curante per il suo utilizzo in piena tranquillità e consapevolezza.
Foto di Isfugl

http://www.florablog.it/2009/12/22/ribes-nero-un-antiallergico-che-protegge-i-capillari/

Ribes Nero, un antiallergico che protegge i capillari ultima modifica: 2013-04-06T12:45:56+00:00 da maraxma
< Previous Article
I cibi antinfluenzali
About the Author
maraxma