Come si forma il vortice di etere

C’è un vortice di etere che, ruotando attorno alla Terra, muove il sole, luna e pianeti. C’è anche un vento verticale secondario che costituisce la forza di gravità. Tale vortice, tuttavia, non è il motore che fa ruotare la cupola. Ciò diventa chiaro se si considera la velocità della cupola e la si confronta con la velocità del vortice. La velocità del vortice è chiara se si considera che esso spinge il sole. Il duomo ruota più velocemente del sole, un grado al giorno, senza considerare la precessione degli equinozi, che è pari a un grado ogni 74 anni.

Capiamo quindi che la rotazione della cupola è indipendente dal vortice dell’etere. D’altra parte, possiamo prendere in considerazione l’ipotesi contraria: la rotazione della cupola provoca la rotazione dell’etere. La cupola è una grande turbina che viene messa in movimento dalle acque superiori che circondano l’esterno delle pareti del duomo. Proverò a mostrare, nei seguenti articoli, il percorso che le acque seguono per mettere in moto la cupola. Nell’immagine sotto, è possibile vedere una possibile forma della turbina a cupola esterna. È una specie di ruota che circonda e copre l’esterno della volta. Si muove grazie all’aiuto di acque di sopra.

Come già sapete, la Terra insieme alla cupola forma un condensatore. Quindi, la Terra e la cupola sono le due piastre elettrificate. Cosa potrebbe accadere a un condensatore quando si mette in rotazione una delle due piastre? Non è una situazione comune nella tecnologia di oggi, ma si può comunque provare a capire cosa intendo. Sappiamo che, tra le due piastre, il campo magnetico della Terra esercita la sua influenza. Noi siamo ora nella necessità di capire cosa succede a un piatto in movimento all’interno di un campo magnetico. Questo è un campo che può essere immaginato come costante, ma che diventa variabile a causa della rotazione della piastra.

vento

Per capire, dobbiamo considerare cosa sono le correnti parassite o di Foucault. Le correnti parassite sono correnti elettriche indotte in corpi conduttivi. Questi corpi sono immersi in un campo magnetico variabile o, in alternativa, si muovono in un campo magnetico costante. Sappiamo che il rotore non è metallico, ma, come già indicato in un capitolo passato, i materiali che formano la cupola, come il grafene o il quarzo, sono semiconduttori. Pos quindi svilupparsi in tal modo, nella cupola correnti elettriche parassite indotte. Il movimento relativo tra la cupola e il campo magnetico genera la circolazione di elettroni, cioè correnti elettriche secondo la legge di Faraday.

La legge di Faraday è una legge fisica che descrive il fenomeno dell’induzione elettromagnetica. Ha origine quando il flusso del campo magnetico attraverso la superficie delimitata da un circuito elettrico è variabile nel tempo. Questa legge prevede che in quel circuito sorge una forza elettromotrice indotta.

vento

vento

Le correnti parassite indotte, essendo variabili, generano a loro volta un nuovo campo magnetico che si oppone al movimento della cupola. Le correnti parassite originate dalla cupola sono in grado, per l’effetto Joule, di riscaldare la volta. L’effetto è impedire che le acque che si muovono sopra le pale del duomo si congelino. Questa ipotesi è in armonia con la testimonianza degli esploratori antartici. Spesso sostengono che dopo aver percorso molti chilometri verso le estremità del sud antartico, sembra che le temperature, avendo raggiunto un minimo, inizino ad alzarsi. Probabilmente, ciò è dovuto al fatto che la cupola è calda in qualche misura.

L’effetto del campo magnetico generato dalle correnti parassite viene sfruttato anche per frenare i treni. I tecnici applicano alla ruota metallica un campo magnetico fisso per generare correnti parassite dispersive. Queste correnti riscaldano il metallo e generano attrito aggiuntivo.

Su cosa agisce  campo magnetico indotto, generato nella cupola dalle correnti parassite? Perché su qualcosa deve reagire. Questo campo magnetico agisce come una sorta di freno sulla cupola. Ad esempio, quando freno l’auto, le ruote reagiscono sull’asfalto. Come già sapete o intuite, un campo magnetico o elettrico viene generato da una distribuzione non uniforme dell’etere nello spazio. Esiste quindi una relazione tra l’etere e i campi di forza. Il campo di forza gravitazionale è prodotto da una crescente densità di etere con l’altezza.

Le cariche elettriche nello spazio possono spostare gli eteroni e viene generato un conseguente campo di forza. Possiamo concludere che il campo magnetico indotto dalle correnti parassite, poiché si muove come un campo variabile, agiranno sull’etere forzandone la rotazione. Questa rotazione agisce per rallentare la cupola che, tuttavia, viene messa in movimento dall’acqua e non può essere fermata. Il vortice viene così tirato nella sua rotazione e segue la cupola. La velocità del vortice di etere sarà quindi determinata dalla velocità di rotazione della cupola.

Sorge una domanda. Se la rotazione del vortice inizia dall’ alto vicino alla cupola, come mai la velocità di questo vortice aumenta in basso? Non è un concetto intuitivo. Sarebbe normale pensare che il vortice abbia la sua massima velocità nel punto in cui tocca la cupola in alto e rallenta mentre si allontana da esso. Ma qualcosa di simile accade nella dinamica dei tornado. Vediamo perché. I tornado che si originano all’interno delle nuvole, piombano giù raggiungendo la Terra e la velocità aumenta sul fondo, vicino alla Terra.

Ciò è dovuto alla conservazione del momento angolare. Questo momento è dato dal prodotto della quantità di moto I = m ∙ v e dal raggio r. L = m ∙ v ∙ r è il momento angolare in cui m è la massa rotante, v è la sua velocità e r è la distanza dall’asse. A causa della forma conica dei tornado, la distanza r dall’asse è la minima in fondo. Pertanto, per conservare il momento, la velocità deve aumentare. L’esempio classico per spiegare questo fenomeno è il pattinatore che deve chiudere le braccia per girare più velocemente o aprirle per girare più lentamente.

vortice

La forma è, ovviamente, la ragione dell’aumento di velocità vicino alla Terra. Il vortice dell’etere non è strettamente conico ma simile a un cono. Se consideriamo lo strato eterico adiacente alla cupola, ha una superficie molto grande, a causa della forma della volta della cupola. Mentre scendiamo, il raggio degli strati successivi diminuisce.

La conservazione del momento richiede una maggiore velocità per gli strati inferiori / inferiori. Questo profilo di velocità genera, per la legge di Bernoulli applicata ai fluidi (l’etere è un super fluido), una maggiore concentrazione di etere nella parte superiore. Questo genera il campo di gravità.


Come si forma il vortice di etere 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.