L’esperimento di Eratostene sulla Terra piatta

Con Coriolis siamo arrivati a dimostrare che la Terra è immobile. Come si può facilmente capire, una volta affermato questo tutta la cosmologia che conosciamo deve cambiare. Quanto è grande il sole? Orbita attorno alla Terra? Come orbitano le stelle attorno alla Terra? Se la Terra è immobile, come può essere che le stelle, molte volte più grandi del nostro sole, possano orbitare attorno ad una Terra molto più piccola?

Inoltre abbiamo capito che la gravità, come inteso da Newton, è sbagliata perché non rispetta il principio di conservazione dell’energia meccanica. La gravità di Newton dovrebbe essere quella responsabile della forma sferica della Terra e dei pianeti. Dovrebbe produrre un campo potenziale sferico che agisce sulle masse per creare ammassi sferici. Siccome però la gravitazione universale si rivela errata capiamo che la gravità sulla Terra piatta deve essere ripensata.

Negli articoli a seguire vedremo tre prove che dimostrano che la superficie terrestre si rivela piatta: l’esperimento di Eratostene, la mancanza della curvatura terrestre e l’effetto della prospettiva sulla nostra vista a determinare la realtà così come la vediamo

Eratostene era un matematico greco nato a Cirene (276 a.C.). Non è stato il primo a descrivere la Terra come una sfera. Platone e Aristotele lo avevano già fatto. Platone scrisse che il Creatore «rendeva il mondo sotto forma di un globo, rotondo come per un tornio, con i suoi estremi in ogni direzione equidistanti dal centro, il più perfetto e il più simile a se stesso di tutte le figure», «uno di quelli palle che hanno rivestimenti in pelle in dodici pezzi … »(Platone, Fedro, p. 110b; Timeo, p. 33).

eratostene

Eratostene fece un esperimento straordinario: misurò la circonferenza della Terra. A causa della loro apparente precisione, i suoi risultati sono ancora considerati sorprendenti. Non dimentichiamo quanto fossero semplici gli strumenti di misura a quei tempi.

Egli fece l’ipotesi, commettendo un piccolo errore, che Alessandria d’Egitto e Syene siano sullo stesso meridiano, essendo Syene al tropico, a una distanza di 800 km da Alessandria che invece si trova più a nord.

Al solstizio del 21 giugno, il sole è perfettamente perpendicolare su Syene, e ciò poteva essere verificato vedendo il sole riflesso in fondo ad un pozzo situato lì a Syene.

Quando la luce del sole raggiunge il fondo del pozzo, il solstizio è proprio su Syene. In quello stesso momento, ad Alessandria, un palo piantato a Terra proiettava un’ombra con un angolo di 7,2 gradi. Eratostene capì che 7,2 ° è circa un cinquantesimo di 360 °, quindi moltiplicando 50 x 800 km fu in grado di affermare che la circonferenza del globo dovrebbe essere di 40000 km.

Ok, finora tutto bene. Ma ecco che arriva la freccia avvelenata. Dopo aver osservato il meritato minuto di silenzio, nella dovuta commemorazione del mitico Eratostene, procediamo sull’argomento. All’inizio Eratostene fece due ipotesi:

  1. La Terra è un globo e questa è la ragione per cui il sole proietta un’ombra ad Alessandria, con un angolo di 7,2°;
  2. I raggi del sole sono paralleli perché il sole è molto lontano dalla Terra.

eratosteneQuesta seconda affermazione necessita di ulteriori discussioni. La scienza oggi afferma che il sole è a 150 milioni di km dalla Terra. Si stima che il diametro del Sole sia di 1391400 km, mentre il diametro della Terra sia di soli 12742 km. Disegnando il Sole e la Terra nelle giuste proporzioni e rispettando le distanze convenienti, con il software cad 3d è possibile ottenere il modello che si può vedere nella figura.

I raggi del sole che raggiungono la Terra dovrebbero essere davvero paralleli vista l’enorme distanza. Quindi puoi spiegarmi le immagini dei raggi crepuscolari?

La seguente immagine mostra chiaramente che i raggi del sole non sono paralleli ma divergono con un angolo abbastanza grande, davvero visibile.

eratostene

Le immagini dei raggi crepuscolari dimostrano chiaramente che il Sole non può essere così lontano come afferma la scienza ufficiale. Di conseguenza, l’ipotesi di Eratostene non può essere valida.

Se i raggi del Sole divergono, è evidente che il matematico aveva torto e l’angolo dell’ombra che aveva misurato non era stato generato dal fatto che la Terra fosse una sfera, ma direttamente dai raggi del sole divergenti che agivano su una superficie piana. Nella figura seguente si può vedere come l’esperimento di Eratostene vede un’ombra proiettata ad Alessandria con un angolo di 7,2° quando la Terra è piana, il sole è vicino e i raggi sono divergenti.

eratostene

Le conseguenze del ragionamento che abbiamo finora presentato sono piuttosto sorprendenti:

— la Terra è piatta;

— la Terra è immobile;

—Il sole non è così lontano;

—Il sole è piuttosto piccolo;

— Le leggi sulla gravità di Newton ed Einstein non sono affidabili.

L’obiezione che mi fanno sempre in questi casi è che i raggi del sole sono effettivamente paralleli, ma li percepiamo come divergenti a causa della prospettiva.

Se guardo i binari del treno, convergono a causa della prospettiva. Se mi giro e guardo i binari nell’altra direzione, questi convergono ancora a causa della prospettiva.

Se ho il sole davanti a me, vedo i raggi convergere verso il sole. Se giro di 180 ° nell’altra direzione, avendo la fortuna di avere il sole basso e i raggi crepuscolari che investono il nostro corpo, non vedrò i raggi convergere, ma continueranno a divergere perché convergono al sole che è alle mie spalle. Non è prospettiva, è chiaro.

Capii questa cosa nell’estate del 2018. Era sera e passeggiavo in una strada in mezzo ai boschi dove c’erano due contadini che stavano pulendo i boschi di castagne dalle foglie vecchie con i soffioni a motore. I raggi del sole passavano nella polvere alzata dai soffioni e potevo alzare le mani, quasi a cercare di toccarli. Allora mi venne l’idea. Guardai il sole che si intravedeva tra gli alberi. I raggi convergevano verso di esso. Quindi mi girai a 180°. I raggi mi passavano accanto e continuavano a  divergere.

E’ chiaro quindi che i raggi divergono perché il sole è vicino alla Terra e non per ragioni prospettiche.

Un’altra obiezione che ho sentito è che i raggi vengano diffratti dalle nuvole. Questi raggi crepuscolari in effetti, avrete notato sono sempre visibili in presenza di nuvole.

Wikipedia afferma: «La diffrazione si riferisce a vari fenomeni che si verificano quando un’onda incontra un ostacolo o una fenditura. È definito come la flessione della luce attorno agli angoli di un ostacolo o apertura nella regione dell’ombra geometrica dell’ostacolo. Nella fisica classica, il fenomeno della diffrazione è descritto come l’interferenza delle onde secondo il principio di Huygens-Fresnel. Questi comportamenti caratteristici si manifestano quando un’onda incontra un ostacolo o una fenditura di dimensioni paragonabili alla sua lunghezza d’onda».

Quindi, la luce del sole dovrebbe divergere quando passa attraverso le nuvole perché incontra fessure della dimensione della sua lunghezza d’onda. La lunghezza d’onda della luce visibile va da 390 a 700 nanometri. Un nanometro misura 10-9 metri. Guarda di nuovo la fotografia dei raggi crepuscolari: risulta chiaro che la luce passi attraverso una fenditura enorme tra le nuvole, di certo non di dimensioni nanometriche.

Ma significa questo che il sole sulla Terra piatta sia proprio li, appena sopra le nuvole? No, vedremo che il sole è molto più alto, oltre i 5000 km di altezza e che questo fenomeno dei raggi crepuscolari è in effetti un fenomeno ottico legato all’hotspot del sole sulle nuvole. Il sole cioè, essendo non così lontano, crea un punto di luce molto intenso sopra le nuvole, e questo a sua volta determina i raggi crepuscolari divergenti.

eratostene

Un’altra obiezione che mi hanno fatto è che i raggi del sole divergono perché l’atmosfera agisce come una lente divergendo i raggi.

Supponiamo che la terra sia un globo, come afferma chi mi fa questa obiezione. L’atmosfera di una Terra globulare è un una sfera a sua volta, e agisce quindi come una lente convessa con la luce del sole. Nella figura successiva è possibile osservare il comportamento di una lente convessa.

Una lente convessa è una lente convergente. Dovremmo quindi vedere i raggi che arrivano paralleli dal sole, convergendo sulla Terra.

Conclusione: i raggi del sole divergono perché il sole è vicino e crea un punto di luce locale direttamente sopra le nuvole e non perché l’atmosfera si comporta come una lente divergente.

E’ importante in seguito a tutte queste analisi capire che l’esperimento di Eratostene, se mai è stato fatto, funziona solo sulla Terra piatta. Questo perché i raggi del sole sono divergenti quando su un globo dovrebbero essere paralleli o addirittura convergenti.


L'esperimento di Eratostene sulla Terra piatta 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.