I transiti dei pianeti

Il nostro obiettivo dovrebbe essere quello di definire la traiettoria del sole, della luna e dei pianeti. Nonché delle loro distanze relative e dei raggi delle loro orbite.

Un’obiezione intelligente al modello della Terra piatta che sta uscendo dai nostri studi, potrebbe essere espressa in questi termini. La luna è posizionata abbastanza vicino al sole, a 6642 km nella sua posizione più alta. Occupa anche una posizione più elevata rispetto ai pianeti interni, mercurio e venere. Se questa è una situazione reale, perché non si sono mai osservati transiti di venere sulla luna? I transiti di venere sul sole sono visibili, perché non lo sono quelli sulla luna?

Questa obiezione sembra essere intelligente. Se venere orbita sotto la luna, alle volte dovrebbe capitare che  le passi davanti. In tal caso, dovremmo vedere un piccolo punto nero che passa davanti alla luna. Ma per rispondere a questa obiezione, esaminerò brevemente le traiettorie del sole, della luna e di venere.

Il sole, come ho spesso spiegato, ha una traiettoria conica all’interno di questi raggi dell’orbita: 6660 km-13320 km. Il cono viene eseguito su e giù in 365,25 giorni. D’altra parte, la luna viaggia un cono molto simile ma appena più piccolo. Questo cono viene eseguito in un periodo molto più breve: su e giù in 27,32 giorni (27,32 giorni è il periodo siderale della luna). Sembra quindi evidente che il sole e la luna saranno per la maggior parte del tempo a diverse altezze. Solo due volte ogni 27,32 giorni accade che la luna passi sopra l’eclittica, la traiettoria del sole. Ancora più raramente la luna e il sole saranno vicini sull’eclittica. Che dire di venere?

transitiDobbiamo considerare che Venere è un pianeta interno o inferiore. Questo significa che orbita con una spirale su un cono più piccolo di quello del sole. All’interno di un sistema eliocentrico, un pianeta inferiore è più vicino al sole rispetto alla terra. Guardato dalla Terra, Venere non corre mai troppo distante dal sole. L’angolo massimo di digressione tra Venere e  sole è di 47 °. Venere è un pianeta e, come fanno tutti i pianeti, si muove su un’orbita vicina all’eclittica. Non si allontana mai dall’eclittica solare più di qualche grado.

Forse potremmo pensare che Venere passi abbastanza spesso di fronte al sole visto che è sempre vicino all’eclittica e sembra orbitare attorno al sole. Inoltre, si muove con un movimento retrogrado che lo mantiene ad un angolo di distanza massima di 47 °. Ciò significa che Venere indugia avanti e indietro attorno al sole. La prima osservazione di un transito fu fatta dal ventunenne Jeremiah Horrocks il 4 dicembre 1639.

Questo transito era stato previsto da Keplero (1571-1630), ma solo Horrocks (1618-1641) riuscì ad osservarlo.

Date dei transiti di Venere
23 novembre 1396
25-26 maggio 1518
23 maggio 1526
7 dicembre 1631
4 dicembre 1639
6 giugno 1761
3-4 giugno 1769
9 dicembre 1874
6 dicembre 1882
8 giugno 2004
5-6 giugno 2012

Horrocks era preparato ad osservarlo ma temeva che il meteo sarebbe stato sfavorevole all’osservazione. Era l’inizio di dicembre nella sua sede, a Much Hoole. Aveva stabilito che la latitudine del sito era di 53 ° 35 ′. Credeva che la rara congiunzione planetaria potesse produrre un clima severo:

La possibilità di un’atmosfera annebbiata mi ha causato molta ansia; poiché Giove e Mercurio erano in congiunzione con il Sole quasi contemporaneamente a Venere.

Questo straordinario assemblaggio di pianeti (come se desiderassero contemplare, in comune con noi stessi, le meraviglie dei cieli, e di aggiungere allo splendore della scena), sembrava presagire una grande severità del tempo.

Mercurio, la cui congiunzione con il Sole è invariabilmente assistito da tempesta e tempesta, era particolarmente da temere. In questa apprensione coincido con l’opinione degli astrologi perché è confermata dall’esperienza; ma per altri aspetti, non posso fare a meno di disprezzare le loro vanità più puerili. (Jeremiah Horrocks, Venus in sole visa)

Horrocks aveva un amico, William Crabtree, un altro astronomo. Essi probabilmente non si incontrarono mai di persona ma, dal 1636, corrispondevano regolarmente. Anche Crabtree fece le sue osservazioni, ma non ebbe tempo sufficiente per effettuare alcuna misurazione. Era nuvoloso a Broughton, e quindi vide solo brevemente il transito. Secondo Horrocks:

Rapito nella contemplazione rimase in piedi per un po ‘di tempo, a malapena fidandosi dei propri sensi, per eccesso di gioia … In poco tempo, le nuvole oscurarono di nuovo la faccia del Sole, in modo che non potesse osservare altro che Venere era sicuramente sul disco al tempo.

Successivamente, realizzò «uno schizzo così rapido» di Venere che era passato attraverso il disco del Sole. Ha permesso a Crabtree di stimare la dimensione angolare di Venere in 1′3 ″. La stima di Horrock di 1′12 ″ era meno accurata. Nell’ottobre 1639, Horrocks aveva calcolato che i transiti di Venere non avvenivano singolarmente, ma a coppie distanti otto anni. Si rese conto, mentre studiava, che il secondo transito sarebbe avvenuto in meno di quattro settimane. Scrisse a suo fratello minore e a Crabtree a Broughton, consigliando loro di osservare l’evento di domenica 4 dicembre. Per citare Horrocks: «Mi sono rallegrato molto della prospettiva di vedere Venere».

Quindi Horrocks capì che i transiti di venere avvengono in coppia in 8 anni. Ma attenzione, i transiti di venere sono tra i rari eventi astronomici. Accadono con uno schema che si ripete ogni 243 anni, con coppie di transiti divise per 8 anni che si ripetono in periodi più grandi di 121,5 e 105,5 anni. L’ultima  coppia di transiti avvenne nel 1874 e nel 1882. Il transito più vicino della coppia attuale è accaduto nel 2004 e il seguente nel 6–2–2012. Sopra ho allegato un tavolo con i transiti avvenuti negli ultimi 400 anni.

È così raro vedere venere che passa davanti al sole, anche se venere rimane costantemente vicino ad esso. Di conseguenza, possiamo capire perché un transito di venere davanti alla luna non è mai stato registrato. I movimenti di venere e della luna sono completamente indipendenti e la luna non rimane sull’eclittica. Al contrario, venere tende a rimanere molto vicino al sole e alla sua eclittica.

La possibilità che avvengano transiti  di venere o mercurio sulla Luna è minima.

Si consideri inoltre che, essendo venere è mercurio molto vicini al sole, con angolo di digressione minimo, quando la luna potrebbe essere nelle vicinanze dei due pianeti, sarebbe illuminata al massimo come una sottile falce, coprendo quindi uno spazio minimo nel cielo.


I transiti dei pianeti 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.