Il problema dell’Australia sulla Terra piatta

L’Australia esiste, state tranquilli.

Diventa chiaro però che una rappresentazione delle terre del mondo sulla superficie di un globo deforma notevolmente la realtà della Terra, specialmente nelle sue parti meridionali. Questa è una deformazione riguardante sia la latitudine che la longitudine. Quindi diventa difficile, per coloro che cercano di stabilire la verità, determinare l’entità della distorsione.

Per studiare la geografia della Terra, molti terrapiattisti utilizzano la mappa di Gleason. Questa è una mappa di proiezione equidistante azimutale centrata sul Polo Nord. Mostra un’Australia decisamente allungata nel senso della longitudine. La distanza tra Sidney e Perth sembra essere almeno raddoppiata, risultando in 8500 km invece dei 3300 km indicati in Google Maps.

Cercherò di fare alcuni calcoli, prima per longitudine e poi per la latitudine.

Perth ha coordinate 31 ° 57 ’12 ” Sud e 115 ° 51″ 25 ” Est.

Sidney ha coordinate 33 ° 51 ›54″ Sud e 151 ° 12 ’35 “Est.

Per quanto riguarda la longitudine, c’è una differenza di circa 36 ° tra le due città. 3300 [km] / 36 ° equivalgono a 92 km per ogni grado di longitudine, esattamente le misure del globo. Tuttavia, dovremmo ricordare che, quando si esamina la longitudine su un globo, i due emisferi nord e sud sono simmetrici, ma su una Terra piatta, le cose sono diverse. Questo è qualcosa di veramente importante da notare per capire perché la mappa Gleason non può essere utilizzata per ottenere misurazioni precise della Terra.

Per semplicità, potremmo considerare Sidney e Perth come alla stessa latitudine, diciamo 32 ° sud. Ciò significa una distanza di (90 ° + 32 °) ∙ 111 [km] = 13540 [km] dal polo. Significherebbe una circonferenza di 43540 ∙ 2 ∙ π = 85000 [km] circa.

85000 [km] / 360 ° = 236 [km] per ogni grado di longitudine. Non corrisponderebbe ai 92 km che abbiamo trovato sulla mappa di Gleason e che corrispondono alla distanza del globo. Quindi, tenendo presente la differenza di 36 ° in longitudine tra Sidney e Perth, si avrebbe una distanza totale di 36 ° ∙ 236 [km] = 8500 [km] che non corrisponde affatto alla distanza reale tra le due città, che è di 3300 [km].

Solo facendo 3300 [km] / 236[km]= 14 ° troverai la vera differenza in longitudine tra Sidney e Perth su una terra piatta. La mappa di Gleason quindi dovrebbe essere corretta accorciando decisamente l’Australia. Ovviamente la necessità di questo tipo di correzione non riguarda solo l’Australia, ma dovrebbe essere fatta in tutto il mondo per tutte le aree geografiche. Usare quindi questa mappa per descrivere la Terra ci mette nella posizione di essere facilmente corretti dai detrattori della Terra piatta.

Passiamo ora al problema della latitudine. Sappiamo che il sole è alto circa 3330 km quando si trova sul Tropico del Capricorno. Ho chiesto a un amico di Perth di misurare con uno gnomone l’ombra proiettata dal sole il 25 dicembre. Con un bastone alto 121 cm ha misurato un’ombra di 16,5 cm, alle 12:16, corrispondente al mezzogiorno locale. Con questi dati, viene confermato un angolo di 8,4 °, che equivale a quello fornito dal software per il globo.

Con un tale angolo e un’altezza del sole di 3300 km avremmo una distanza di Perth dal Tropico del Capricorno di circa 500 km, quando in realtà si tratta del doppio (950 km). Non possiamo mettere in discussione la latitudine di Perth perché sarebbe una semplice esperienza prendere l’auto il 21 dicembre, percorrere i 1000 km che la separano da Coral Bay, che si trova esattamente sul tropico, e verificare personalmente l’assenza di ombra a mezzogiorno. Inoltre, abbiamo sempre sostenuto che anche sulla Terra piatta, abbiamo 111 km per ogni grado di latitudine. Quindi, facendo 8.4° ∙ 111km otteniamo una distanza di 932 km dal tropico e non solo di 500.

Allo stesso tempo, consideriamo anche una certezza il fatto che il sole scorre più in basso nelle regioni meridionali, e quindi anche sull’Australia, per fornire la stessa quantità di energia. Mostrerò più avanti che ciò è anche necessario anche per dare origine alla formazione dell’analemma solare. Tuttavia la misurazione del mio amico non sembra confermare questo dato.

I 932 km della distanza sopra citata darebbero origine a un sole altezza di 932 [km] / tan(8,4 °) = 6300 [km], che sarebbe la stessa altezza alla quale è il sole quando corre sul Tropico del Cancro. Questo è comunque assolutamente impossibile. Infatti, se dalle latitudini italiane del 21 dicembre proviamo a calcolare l’altezza del sole, troviamo che è di circa 3300 km. Si veda per questo calcolo l’articolo “Il cono del sole sulla Terra piatta“.

Di conseguenza, potremmo arrivare, data la simmetria dei calcoli e delle misurazioni rispetto all’emisfero nord, ad immaginare che la Terra sia veramente un globo. In realtà non è così e ne abbiamo dato prove in modo ripetuto. Si tratta solo di aggiungere un elemento al nostro modello, che ora appare troppo semplificato. Spesso trascurare fattori importanti può portarci a conclusioni errate, ma con un modello semplice, ma con gli elementi sufficienti, possiamo spiegare ogni cosa.

Dobbiamo tenere conto degli effetti ottici creati dalla rifrazione atmosferica, ionosferica e del plasma delle fasce di Van Allen. Ciò contribuirà a spiegare alcune delle incongruenze che sorgono nell’analisi dell’altezza del sole. La ionosfera è la parte ionizzata dell’atmosfera sopra i 100 km di altezza. Il plasma formato dagli ioni ha proprietà di rifrazione sulla luce. Anche le fasce di Van Allen  sono formate da plasma e quindi anche queste hanno potere rifrattivo. La prima fascia di Van Allen si trova sotto al sole, tra i 1000 e i 6000 km.

Viene quindi a determinarsi una doppia rifrazione: una bassa rifrazione dovuta all’atmosfera e alla ionosfera e un’alta rifrazione dovuta al plasma della cintura di Van Allen immediatamente sotto al sole. Si ottiene così una situazione come descritta nel disegno a lato.

Australia

Abbiamo già menzionato il fenomeno di questa doppia rifrazione quando avevamo parlato del fatto che il sole è un disco. Stavamo cercando una spiegazione scientifica del fatto che il sole è visto come un cerchio da ogni parte della Terra.

Pertanto, la luce che viene dal sole e raggiunge la città di Perth, si piega in due punti, uno in alto e uno in basso, dando l’impressione ottica di un sole che è sempre alto 6660 km su tutta la Terra. Nella figura si può vedere il raggio di luce giallo dal sole che, essendo piegato in due punti, lascia all’osservatore l’impressione di un sole molto più alto.

Analizzato il problema dell’Australia vediamo ora come questa doppia rifrazione può aiutarci a spiegare meglio alcune altre incongruenze. Passiamo all’emisfero settentrionale dove il sole raggiunge i 6660 km di altezza (con una descrizione frattale, ma in realtà è di circa 6356 km, cioè pari al raggio del globo).

Usando un software che ci dà l’elevazione del sole il 21 giugno, proviamo a calcolare l’altezza del sole in luoghi che sono tutti approssimativamente posti sullo stesso meridiano ma gradualmente più distanti a nord.

Città Latitud. Nord Dist. dal tropico [km] Angolo elevazione Altezza sole calcolata [km]
Tripoli 32,88° 1041,18 80,6° 6261
Palermo 38,10° 1620,6 75,3° 6160
Venezia 45,40° 2430,9 68,0° 6006
Hannover 52,37° 3204,57 61,1° 5797
Goteborg 57,70° 3796,2 55,7° 5559

 

Nell’ultima colonna si può vedere chiaramente come le altezze calcolate non corrispondono ai 6356 km del globo ma vadano via via riducendosi. Proviamo con un grafico a proporre la doppia rifrazione per queste cinque posizioni.

Australia

Questo è, ovviamente, un disegno completamente qualitativo. Spiega comunque i motivi dell’apparente incongruenza dei calcoli. Questo effetto di doppia rifrazione sembra creare un globo ottico a causa della rifrazione., che abbassa il sole esattamente come capiterebbe su una sfera. Le linee tratteggiate sono la visuale apparente del sole per un osservatore che si trovi nelle città elencate, mentre la linea gialla descrive il percorso effettivo della luce con la doppia piega dovuta alla rifrazione del plasma.

Sono naturalmente in attesa di commenti e ulteriori considerazioni da parte di coloro che vogliono approfondire l’argomento. Affinché i calcoli e le misurazioni dell’altezza del sole siano coerenti su tutta la Terra, dobbiamo introdurre questo doppio effetto ottico di rifrazione dovuto, sopra, alle cinture di Van Allen e al plasma in esse contenuto, e, sotto, alla ionosfera e al plasma che contiene. In effetti, il plasma ha un potere di rifrazione sulla radiazione elettromagnetica.

Dovremmo applicare questo concetto in Australia e quindi in tutte le terre a sud del Tropico del Capricorno. Quindi sarebbe da applicare lo stesso concetto alle terre a nord del Tropico del Cancro, correggendo così alcune incongruenze che emergono dalle misurazioni e dai calcoli.

Ma facciamo ora le stesse considerazioni per l’area tra i due tropici e in particolare per l’equatore. Le persone che si trovano sull’equatore in realtà vedono lo stesso angolo di elevazione del sole quando questo è sul tropico del Cancro o su quello del Capricorno. Ciò sarebbe ovviamente impossibile se l’Equatore è davvero al centro tra i due tropici.

Australia

Questo è, ovviamente, un disegno completamente qualitativo. Spiega comunque i motivi dell’apparente incongruenza dei calcoli. Questo effetto di doppia rifrazione sembra creare un globo ottico a causa della rifrazione che alza otticamente il sole man mano che questo scende sul suo cono e lo mantiene sempre alla stessa altezza visiva.

Si tratta ancora una volta di questo doppio effetto di rifrazione che consente ad un osservatore che si trovi sull’equatore di vedere il sole alla stessa altezza il 21 giugno o il 21 dicembre.

Consideriamo ora un’altra obiezione che avevamo già introdotto tempo fa e che trova una spiegazione definitiva se consideriamo il potere rifrattivo del plasma contenuto nel toroide delle fasce di Van Allen. Sotto la figura potete leggere l’obiezione e la spiegazione.

cono sole

Una persona in piedi nel punto A in Africa sull’equatore, il giorno dell’equinozio,può vedere il sole tramontare nel punto B, che non è ad ovest (cioè perfettamente a 90 ° a sinistra) ma a 45 °, cioè verso nord-ovest. Questo non corrisponde con la nostra comune esperienza che è quella di vedere il sole tramontare ad ovest e sorgere ad est.

Già avevo risposto a questa obiezione dicendo che il sole non sorge sempre esattamente ad est e non tramonta sempre esattamente ad ovest, ma questo non toglie che il problema deve essere spiegato meglio. Per un osservatore che si trovi sull’equatore il giorno dell’equinozio infatti il sole dovrebbe effettivamente tramontare ad ovest.

Dobbiamo anche in questo caso introdurre il plasma della fascia di Van Allen che si trova immediatamente sotto al sole. Questa cintura è un toroide che nasce dal polo nord e si chiude sul polo sud. Si tratta del plasma generato dal campo magnetico terrestre che viene piegato e interagisce dal vento solare.

La rifrazione della luce quindi non avviene solo su un piano verticale ma anche in direzione circonferenziale. La luce che scende dal sole deve attraversare questo plasma e, dovendo arrivare fino all’osservatore A, subisce rifrazione lungo il suo percorso, che quindi sarà curvo, seguendo esattamente il percorso del sole disegnato nella figura sopra. Ecco quindi che l’osservatore A vedrà comunque la luce arrivare da ovest e non da nord ovest come suggerirebbe la diagonale tracciata tra i punti A e B.

Riporto di seguito due video: uno è un famoso video che menziona l’obiezione appena descritta e sostiene che questo rappresenti uno scacco definitivo alla Terra piatta. Il ricercatore menziona chiaramente nel video di non voler tenere conto dell’effetto del campo magnetico terrestre e qui incappa nell’errore. Come abbiamo detto infatti trascurare gli elementi necessari e produrre un modello troppo semplificato ci porta a commettere gravi errori. In un secondo video riporto la mia conferenza in cui do una risposta a questo problema. Buona visione.


Il problema dell'Australia sulla Terra piatta 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.