La cupola solida

Dopo aver descritto le traiettorie di sole, luna e pianeti, come forse immaginate, il tema della cupola solida necessita di un’indagine più approfondita. Fino ad ora, non abbiamo affrontato l’argomento in modo molto significativo. Ma sarà meglio, adesso, andare ad analizzare l’argomento per bene essendo esso un particolare davvero non trascurabile della Terra piatta.

La cupola è una delle cose più strane da capire quando per la prima volta ci si avvicina agli argomenti della Terra piatta.

Probabilmente ci si chiede se un duomo solido, che racchiude tutto il circolo della Terra, possa davvero esistere o se debba invece essere considerata una derivazione teorica della Bibbia. È vero, nella Bibbia il firmamento, o “distesa” tra le acque, è un’espressione ripetuta più di una volta.

cupola

L’establishment afferma che non c’è alcuna cupola ma solo l’atmosfera, costituita da gas che avvolgono completamente il globo terrestre. Questo è quanto abbiamo imparato tutti a scuola. L’atmosfera ha la pressione di 1 atmosfera a livello del suolo e diminuisce con l’altitudine. Salendo, l’atmosfera si stratifica e si  trovano diverse miscele di gas che diventano più leggere e rarefatte.

La scienza afferma che l’atmosfera è mantenuta legata alla Terra dalla forza di gravità. Questa sarebbe la forza in grado di bloccare la sua diffusione verso lo spazio esterno dell’universo ed evitare la sua dispersione, a causa della rotazione della Terra. Ma cosa dicono i fatti?

Supponiamo di avere un contenitore pieno d’aria, alla pressione di una atmosfera, in una stanza in cui è possibile produrre il vuoto. Il contenitore in pressione è una rappresentazione dell’atmosfera; il fondo di questo contenitore è la Terra, mentre la stanza è lo spazio vuoto dell’universo. Se apri il tappo in alto del contenitore, cosa pensi che accadrà? Immediatamente il gas si diffonderà nella stanza vuota, diffondendosi in tutto lo spazio disponibile. La gravità può fermare la diffusione del gas? In nessun caso. Non è possibile.

E a proposito della stratificazione dell’atmosfera? I gas più leggeri aumentano nella parte alta dell’atmosfera. Facciamo una considerazione. Immagina di avere una perdita di metano da un tubo. Se la perdita si verifica all’esterno, il gas salirà verso l’alto, diffondendosi nello strato superiore dell’atmosfera. Ma quando la perdita si verifica all’interno, il metano si accumula nella parte superiore della stanza, vicino al soffitto. Per avere una stratificazione, quindi, è necessario un tetto.

È in effetti noto ai tecnici il ​​fatto che la stratificazione dei gas è possibile solo in tubi o serbatoi chiusi. Quindi, per concludere, sembra che ci dovrebbe essere un soffitto sopra la terra piatta, in primo luogo per evitare la diffusione dell’atmosfera nello spazio vuoto dell’universo e, in secondo luogo, per consentire la stratificazione che caratterizza l’atmosfera.

Ora possiamo capire l’assoluta necessità della presenza di una cupola. È l’unico modo per ottenere la stratificazione, con i gas più leggeri che salgono ma vengono trattenuti dalla cupola, senza la quale non potrebbe esistere alcuna atmosfera pressurizzata. Questa è una delle chiare dimostrazioni dell’esistenza di un duomo solido sulla Terra piatta.

cupolaOra vorrei aggiungere qualche dettaglio in più su alcune caratteristiche della volta celeste. Dato che non abbiamo la possibilità di andare lì ed esaminarla, ci resta solo un’altra possibilità. Dobbiamo basare la nostra ricerca sul ragionamento e sulla Bibbia. In questo modo, possiamo dare la parola al Creatore e fargli spiegare ciò che ha fatto.

Tesla ha fatto studi e ricerche sul campo elettrico della Terra e, indirettamente, può aiutarci a capire qualcosa di più sulla Cupola. Paragonava la Terra a un grande condensatore, un contenitore pieno di un’enorme quantità di energia immagazzinata nell’etere, un mezzo attraverso il quale la luce può muoversi. Scoprì una nuova forma di energia che si muoveva come onde longitudinali simili alle onde sonore nell’etere elastico.

Tesla stava pensando a un modo per utilizzare questa energia e progettò una centrale elettrica in grado di estrarla e trasmetterla, via etere, in tutto il mondo. Dovrebbe essere chiaro che la torre di Wardencliffe era una componente importante del suo progetto.

Molte persone pensano che questa torre fosse intesa come una sorta di antenna ma, nell’intenzione dell’inventore, era un grande condensatore. Va notato che la forma della parte attiva di questo condensatore ha la stessa forma della cupola terrestre.

Ormai sappiamo che, poiché la Terra è piatta, la gravità non può esistere. Allo stesso modo, dovremmo essere consapevole di due cose:

a) la Terra ha un campo magnetico;

b) presenta caratteristiche elettriche che creano un campo gravitazionale che non risponde alla legge di Newton.

Tesla scoprì che la Terra è un condensatore e costruì un’enorme torre con una forma che ricorda quella della cupola. Nella lettera agli Ebrei versetto 1: 11 leggiamo a proposito dei cieli: «Periranno, ma tu rimarrai; e proprio come un indumento, si consumeranno tutti ». Quindi, quando immaginiamo che il nostro cosmo sia un grande condensatore, composto da due piastre corrispondenti alla Terra e alla Cupola, possiamo capire che queste due piastre sono gli elettrodi di una batteria e, come tutti sanno, l’elettrodo, in un batteria, si esaurisce. La Terra dunque sarebbe un condensatore producente l’energia immagazzinata come una batteria elettrochimica.

Qui, per riassumere un po’, riportiamo una descrizione della batteria presa da Wikipedia.

La cella è costituita da un compartimento anodico (semicella) formato da una barretta di zinco immersa in una soluzione di solfato di zinco (ZnSO4) 1 M e un compartimento catodico formato da una barretta di rame immersa in una soluzione di solfato di rame (CuSO4) 1 M.Le due semicelle sono collegate da un ponte salino costituito da un tubo riempito da una soluzione satura di nitrato di potassio (KNO3) con dei tappi alle estremità permeabili a ioni e acqua. Alla chiusura del circuito esterno con un conduttore, al catodo avviene la semireazione di riduzione:

Cu2+(aq) + 2 e− → Cu(s)

(Eº = +0,34 V)

per cui ioni Cu2+ scompaiono dalla soluzione e si depositano come metallo sulla lamina. All’anodo avviene la semireazione di ossidazione:

Zn(s) → Zn2+(aq) + 2 e−

(Eº = −0,76 V)

per cui dello zinco metallico si stacca dalla lamina raggiungendo la soluzione come ioni Zn2+. La reazione completa è:

Zn(s) + Cu2+(aq) → Zn2+(aq) + Cu(s)

(∆Eº = 1,1 V)

Per effetto di questa reazione nel comparto catodico mancherebbero cariche positive, mentre nel comparto anodico si avrebbe un eccesso di cariche positive. Il tutto però viene compensato perché gli ioni potassio (K+) e nitrato (NO−3) del ponte salino si spostano raggiungendo il compartimento catodico ed anodico, rispettivamente, ristabilendo l’elettroneutralità della soluzione, in accordo con la legge di Kirchhoff delle correnti. Gli elettroni nel circuito esterno girano dalla barretta di zinco a quella di rame e quindi la corrente convenzionale positiva I va dal rame allo zinco.

Il potenziale teorico della pila Daniell è ∆Eº = Eº(Cu2+/Cu)−Eº(Zn2+/Zn)=1,10 V ottenibile in condizioni quasi statiche reversibili, differenza tra il potenziale catodico (polo positivo) e quello anodico (polo negativo).

cupola

Quindi, dalla descrizione sopra, puoi capire che l’anodo di zinco si consuma e lo stesso dovrebbe accadere ai cieli. Quindi, possiamo supporre che la Terra e la cupola si comportino come due piastre di condensatori che si caricano continuamente, come fa una batteria.

Provando una ricerca veloce sul Web, si può scoprire che di solito un condensatore non può essere usato come una batteria, perché l’energia immagazzinata non è molta e viene improvvisamente scaricata. Tuttavia, la tecnologia si sta evolvendo e una sorta di super condensatori, con grandi quantità di energia immagazzinata, potranno essere usati come batterie. Tempo e ulteriori ricerche ci aiuteranno a confermare o meno queste ipotesi. Il concetto è comunque che la Terra è un condensatore che si carica mediante processi elettrochimici che consumano la cupola.

Si può supporre che l’elettrolita si formi dall’acqua di mare, ma quali sono i materiali che formano le due piastre? Per quanto riguarda la terra, un buon materiale potrebbe essere il ferro che è abbondante su tutta la piattaforma terrestre inferiore. Il ferro è il metallo più diffuso sulla Terra e costituisce il 16% della sua massa. Ma potresti anche prendere in considerazione i silicati o molti altri materiali abbondanti. L’ossido di silicio è ciò che mi attrae di più. Il quarzo (SiO2) è il secondo materiale più comune sulla Terra (12% in volume).

Per quanto riguarda la cupola, voglio esaminare qualcosa di nuovo. Consideriamo alcuni dei segni distintivi che identificheranno il possibile materiale attivo necessario per la reazione elettrica.
Prima di tutto, il duomo dovrebbe essere una sorta di specchio. Ciò significa che la superficie interna della cupola dovrebbe essere formata da un materiale che rifletta le radiazioni colpite. Ciò è necessario per ottenere, ad esempio, un arcobaleno. Quando vuoi ottenere un arcobaleno al coperto, devi avere uno specchio. Parleremo di questo in un futuro articolo.

Dovrebbe essere un materiale elettricamente attivo anche a temperature molto basse (lontano dal sole). Una caratteristica dei superconduttori è che conducono elettricità a temperature basse quasi senza resistenza e quindi con alta efficienza. Di conseguenza, il nostro materiale dovrebbe essere un superconduttore.

Dovrebbe anche essere un materiale flessibile a temperature più elevate. In Isaia 34: 4 leggiamo: «Tutto l’esercito dei cieli marcirà e i cieli saranno arrotolati come una pergamena. Tutto il loro esercito appassirà, mentre una foglia appassita cade dalla vite e un fico avvizzito dal fico ».
Di sicuro queste sono caratteristiche incredibili quando messe insieme. Ad ogni modo, esiste un materiale in grado di soddisfare tutte queste richieste: il grafene.

Ecco un estratto di ciò che Wikipedia afferma su questo materiale. Il grafene è un allotropo di carbonio sotto forma di un reticolo esagonale bidimensionale su scala atomica in cui un atomo forma ciascun vertice.
È l’elemento strutturale di base di altri allotropi, tra cui grafite, carbone, nanotubi di carbonio e fullereni. Può essere considerata una molecola aromatica indefinitamente grande, il caso ultimo della famiglia degli idrocarburi policiclici piatti. Il grafene ha molte proprietà insolite. È circa 200 volte più forte dell’acciaio più resistente. Conduce in modo efficiente calore ed elettricità ed è quasi trasparente.

Esattamente le caratteristiche che servono a noi. Il duomo infatti potrebbe essere composto da silicati quali il quarzo che avrebbe elettronegatività corretta nei rispetti del ferro ed essere poi rivestito da uno strato di grafene o carboni che consenta la conduzione elettrica. Vedremo in seguito come mai questo è necessario.


La cupola solida 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.