Le maree e il campo magnetico

Scrivendo questo articolo, voglio affinare la mia ipotesi iniziale relativa al campo magnetico terrestre generato dalle maree e dalle acque sotterranee. Voglio approfondire la comprensione di come il nucleo della Terra generi questo campo magnetico.

Il mio modello di partenza è una vasca ferromagnetica che si tiene all’interno le acque dell’abisso e l’intera Terra. Questo bacino è una camera con un enorme tubo centrale che genera la colonna magnetica centrale sul Polo Nord. Questo bacino può essere solo magnetico, fatto di magnetite, un ossido di ferro Fe3O4. La magnetite è presente in grandi quantità anche sulla superficie terrestre nelle rocce basaltiche e vulcaniche.

Molta magnetite viene portata in superficie da eruzioni vulcaniche nel mezzo delle profonde fratture oceaniche. Queste rocce mostrano importanti tracce di magnetite. La magnetite presente nelle rocce aiuta i geologi nello studio del paleomagnetismo, vale a dire lo studio di come il campo magnetico è cambiato nel corso dei millenni.

Il bacino magnetico è in grado di produrre un flusso magnetico iniziale e permanente. Quindi le acque nel mezzo della Terra, a causa dell’effetto dinamo generato da movimenti convettivi, aumentano la forza del campo. Questo effetto è reso possibile grazie ai sali disciolti nell’acqua. Solo l’acqua distillata non è conduttiva, ma lo è l’acqua salata. Poiché le acque si muovono nel bacino, nascono correnti parassite che generano una forza magnetica indotta.

Tuttavia, questi sono solo dettagli. C’è ancora molto da capire e ricercare, soprattutto per scoprire come viene attivato il movimento dell’acqua all’interno del bacino. Tutti i miliardi di esseri bioluminescenti, le stelle che si trovano nelle acque celesti superiori, continuano continuamente a liberare i loro rifiuti che si depositano nel sottosuolo.

Le acque superiori sono in comunicazione con gli oceani e, di conseguenza, con le acque all’interno della profondità terrestre. Gli strati profondi di petrolio depositati sotto gli oceani non sono altro che quei corpi morti putrefatti. Le stelle sono luci emesse da esseri viventi. Subiscono tutti i molteplici processi connessi con i cicli della vita e della morte. Ci sono i prodotti di scarto che, durante i tempi geologici, si sono accumulati sotto la superficie terrestre.

Nelle spaccature oceaniche centrali, ci sono enormi fonti d’acqua, fredde o calde. Mi chiedo come possa svilupparsi tutto questo movimento dall’alto verso la profondità e poi di nuovo verso l’alto. Tale movimento è probabilmente collegato al moto convettivo all’origine del campo magnetico. Penso che questo sia più che una possibilità. Probabilmente è legato al movimento delle maree. Penso che sarà presto necessaria un’ulteriore considerazione su come funzionano le maree. È qualcosa che non avevo mai considerato prima.

Il modello semplificato fornito dalla scienza è piuttosto interessante. La scienza sostiene che l’influenza gravitazionale della luna è il motore delle maree. Anche il sole ha un ruolo, ma sostengono che la sua influenza gravitazionale sia molto meno importante, a causa della grande distanza dalla Terra. Sostengono inoltre che la forza centrifuga del doppio sistema terra-luna si aggiunga all’azione gravitazionale della sola luna. Questo sistema ruota attorno al suo centro di massa e si produce così una marea opposta a quella che genera la gravitazione lunare. Molti altri dettagli dovrebbero essere considerati, come la varietà delle condizioni atmosferiche di pressione o la conformazione geografica della costa.

Ovviamente, ci sono molte obiezioni al modello presentato. L’attrazione gravitazionale newtoniana tra i corpi non esiste e lo abbiamo dimostrato. La luna si muove lungo la sua traiettoria, intrappolata dalle cinture magnetiche sulla Terra. È spinta dal vortice di etere che gira sulla Terra. È lo stesso vortice che causa la forza verticale che chiamiamo gravità. Di conseguenza, non possiamo assolutamente accettare la spiegazione centrifuga: la Terra non si muove mentre i corpi celesti si muovono sopra di essa. Questa è una forza che la scienza tradizionale afferma agire all’interno di questo sistema, il sistema Terra-luna. Rifiuto senz’altro questa idea poiché la Terra è immobile mentre la luna ruota.

maree

maree

Come visibile nell’immagine riportata sopra, tutte le aree vicine alle coste possono sperimentare maree più alte. I mari chiusi, come il Mar Mediterraneo, non sperimentano grandi maree. Al centro dell’oceano le maree sono generalmente più basse di quelle più vicine alle coste. Le maree si alzano dunque quando si avvicinano alla Terra. Ci sono punti invece in cui le maree sono quasi assenti, questo è abbastanza evidente nella foto sopra.

Questi punti di marea zero sono una sorta di nodi all’interno delle acque e sono chiamati “punti anfidromici”. Questi nodi, o punti anfidromici sono i punti in viola dell’immagine. In questi punti, le maree non hanno ampiezza. Si può facilmente notare che esiste un numero piuttosto grande di questi nodi in tutta la Terra. Esistono nodi più grandi e altri più piccoli, come quelli nel Mar Mediterraneo.

Provando a guardare un’animazione delle maree (ce ne sono su internet), si vedrà che alta e bassa marea ruotano attorno a questi nodi. Molti dei modelli e delle immagini resi disponibili dalla scienza ci sembrano dunque errati o eccessivamente semplificati. La scienza descrive le grandi maree come concentrate in punti opposti della Terra. Al contrario, sappiamo che ci sono punti di alta e bassa marea ovunque. In tutto il mondo, ci sono punti anfidromici e intorno a tutti questi, continuano a ruotare una marea più alta e una più bassa . Quindi, mi chiedo se la luna potrebbe avere una tale influenza sulle maree.

In molti luoghi della terra, le maree compaiono due volte al giorno con un ciclo di 12 ore e 25 minuti. La luna impiega 24 ore e 50 minuti per compiere un singolo giro sulla Terra. Inoltre, le maree hanno il massimo quando la luna e il sole sono allineati e la luna è piena o nuova. C’è invece un minimo quando la luna è a 90 gradi con il sole.

Poiché le fasi lunari influenzano le maree, dovremmo ricordare che esiste un ciclo di 29,5 giorni che è il ciclo sinodico della luna. All’interno di questo ciclo, abbiamo il ciclo diurno di 12,5 ore. La relazione luna-sole-maree è comunemente ammessa. Il sistema sole-luna è dunque probabilmente in grado di agire magneticamente sulle acque salate.

L’acqua salata è conduttiva, come sappiamo, e interagisce fortemente all’interno di qualsiasi campo magnetico. Il moto delle maree è piuttosto evidente. Un movimento simile interessa dunque le acque contenute nel nucleo della Terra. Queste hanno una massa molto maggiore di quella contenuta nelle acque degli oceani.

È interessante notare che una recente inchiesta fatta da un gruppo di scienziati francesi giunge alle seguenti conclusioni. La deformazione ciclica del mantello della terra, come conseguenza degli effetti gravitazionali del sole e della luna, genera potenti correnti all’interno del nucleo esterno. Sono sufficienti per generare il campo magnetico terrestre. In sostanza, la luna esercita la sua influenza non solo sulle maree che possiamo vedere, ma anche sulle maree di ferro liquido all’interno del mantello della terra. Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) / Université Blaise Pascal de Clermont – Ferrand. L’articolo sul lavoro scientifico è stato pubblicato il 30/03/2016 su Earth and Planetary Science Letters. (Http://www.flyorbitnews.com/2016/04/04/la-luna-influisce-anche-sulle-maree-di-ferro-fuso-che-generano-il-campo-magnetico-terrestre/)

È chiaro, quindi, il ruolo della luna e del sole nel creare il movimento delle acque interne necessario per attivare l’effetto dinamo del campo geomagnetico. Le maree negli oceani superficiali ma anche e soprattutto nelle acque abissali generano quel movimento necessario ad incrementare e costruire il campo magnetico terrestre.


Le maree e il campo magnetico 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.