Le profondità della Terra piatta

Dopo una lunga ricerca sulla Terra e la sua volta celeste, le stelle, il sole e la luna, è arrivato il tempo per indagare sulle profondità della Terra. Ho ritardato il più possibile ad affrontare questo argomento perché mi sembra piuttosto difficile descrivere ciò che non possiamo vedere e misurare. Quando dovevo esprimermi sulla cupola o sul sole, le cose erano diverse. Sono entità osservabili e possiamo descriverne il movimento sulla terra piatta con formule esatte. Beh, la cupola non si può vedere, ma mi è comunque stato facile descriverla.

D’altra parte, il buco più profondo fatto nel terreno, fino ad ora, è stato realizzato in Russia e ha raggiunto i 12 km di profondità. Questo buco non può fornire molte informazioni perché è solo un’esplorazione nella crosta, lo strato più superficiale della terra che può estendersi fino a 150 km di profondità. All’inizio, ho voluto considerare ciò che la scienza ufficiale ha da dire sul nucleo della Terra. Quindi, ho studiato Geologia e Geofisica al fine di trovare dati affidabili. Ho scoperto che ci sono molte ipotesi ma non così tanti fatti sperimentali.

Comunque, per giungere alle giuste conclusioni sulla Terra, devo prendere in considerazione solo i fatti sperimentali. Quindi, prima di tutto, inizierò considerando l’insieme di dati che abbiamo definito nel modello di base della Terra piatta trovato nelle nostre considerazioni fino ad oggi. Penso che questo sia fondamentale per capire come è fatta la Terra al suo interno. Inoltre, questo sarà un punto di partenza per comprendere meglio il ciclo dell’acqua. Grazie a questo ciclo deriviamo la rotazione della cupola e, di conseguenza, il moto di tutti i corpi celesti.

Inoltre, capire come ha origine il campo magnetico terrestre sarà essenziale. Questo campo magnetico è assolutamente fondamentale perché genera le correnti parassite della cupola. Queste correnti sono responsabili del vortice dell’etere che muove i corpi celesti e dà origine alla forza di gravità.

Per cominciare, vorrei provare a parlare dei risultati che la sismologia ha raggiunto. Questi sono risultati che possiamo considerare validi perché ottenuti sperimentalmente. La sismologia studia come le onde sismiche si propagano all’interno della Terra. Questo studio analizza le proprietà fisiche dei materiali all’interno dei quali le onde si propagano. Quando si verifica un terremoto, alcune onde si muovono solo sulla superficie della Terra, ma altre si muovono all’interno, in profondità. Possiamo dividere queste onde in due gruppi: le onde P, primarie, le più veloci e le S, o le onde secondarie che si muovono più lentamente.

Le onde P sono onde di pressione, onde longitudinali simili alle onde del suono. Possono muoversi sia attraverso mezzi solidi che liquidi. D’altra parte, le onde S sono trasversali e possono muoversi solo attraverso i solidi. Questo perché hanno bisogno di un tipo di materiale in grado di trasmettere sollecitazioni di taglio. Il passaggio di entrambi i tipi di onda in tutto lo spessore del mantello dimostra che questo è solido. Con la profondità, tuttavia, la temperatura aumenta. Tutti i minatori lo sanno bene. Nel sottosuolo la temperatura aumenta di un grado ogni cento metri. Il mantello rimane comunque solido per una grande profondità, a causa dell’aumento della pressione che corrisponde all’aumento della temperatura.

Ma, se il mantello è solido, perché la lava liquida fuoriesce da fratture e vulcani? Nei punti in cui la Terra si crepa o si apre c’è un improvviso rilascio di pressione. Questo rende impossibile compensare l’aumento della temperatura con la profondità. Quindi la lava si forma solo sotto la crosta in una piccola zona in cui questa si rompe, ma generalmente l’astenosfera, lo strato superiore del mantello, è solida.

Sotto il mantello, le onde S non possono invece passare, sono bloccate. Questo può spingerci a dire che c’è uno strato liquido sotto il mantello solido. La scienza afferma che questo strato, chiamato nucleo esterno, è formato da ferro e nichel. Ma come possono provarlo? Credo che derivare questi dati solo dalla velocità di propagazione dell’onda P, come fa la scienza, possa apparire un po’ frettoloso.

Sono stati in grado di raggiungere questa conclusione effettuando inoltre calcoli gravitazionali. Con questi calcoli affermano di aver stabilito la densità terrestre. Quindi, a partire da questo insieme di dati, finiscono per affermare che il nucleo della Terra è fatto per la maggior parte di ferro.Sappiamo, tuttavia, che la gravitazione newtoniana è sbagliata e tutti i dati calcolati con la formula di Newton non possono essere corretti. Quindi, l’unico punto che possiamo effettivamente accettare è che c’è uno strato liquido sotto il mantello e che questo è un liquido a bassa viscosità.

Un’ulteriore deviazione, dovuta alla rifrazione delle onde P, mostra un altro strato che gli scienziati chiamano il nucleo interno. È il centro solido della Terra globulare. Da ciò possiamo dedurre che esiste uno strato solido sotto quello liquido. La velocità e la direzione precise delle onde attraverso il mantello dipendono dalle proprietà fisiche del materiale attraverso il quale si muovono. Dove il materiale tende ad essere liquido, le onde rallentano. In questo modo gli scienziati possono immaginare l’astenosfera come uno strato plastico, solido ma non completamente duro.

Sono particolarmente interessato al nucleo esterno, lo strato liquido, perché lì possiamo trovare l’origine del campo magnetico. Per chiarire un po’ vediamo qualcosa in più a proposito.

profondità

Wikipedia afferma: “il campo magnetico terrestre, noto anche come campo geomagnetico, è il campo magnetico che si estende dall’interno della Terra verso lo spazio, dove incontra il vento solare, un flusso di particelle cariche emanate dal sole.

La sua intensità sulla superficie terrestre varia da 25 a 65 microtesla (da 0,25 a 0,65 gauss). Approssimativamente, è il campo di un dipolo magnetico attualmente inclinato di un angolo di circa 11 gradi rispetto all’asse di rotazione della Terra, come se ci fosse un magnete a barra posizionato con quell’angolo al centro della Terra.

Il polo geomagnetico nord, situato vicino alla Groenlandia nell’emisfero settentrionale, è in realtà il polo sud del campo magnetico terrestre, mentre il polo geomagnetico sud è il polo nord. Il campo magnetico è generato dalle correnti elettriche a causa del movimento delle correnti di convezione del ferro fuso nel nucleo esterno della Terra, guidato dal calore che fuoriesce dal nucleo, un processo naturale chiamato geodinamo.

Mentre i poli magnetici Nord e Sud si trovano di solito vicino ai poli geografici, possono vagare ampiamente su scale temporali geologiche, ma sufficientemente lentamente perché le bussole ordinarie rimangano utili per la navigazione. Tuttavia, a intervalli irregolari, in media diverse centinaia di migliaia di anni, il campo terrestre si inverte e i poli magnetici nord e sud cambiano in modo relativamente brusco. Queste inversioni dei poli geomagnetici lasciano un segno nelle rocce che hanno valore per i paleomagnetisti nel calcolo dei campi geomagnetici nel passato. Tali informazioni, a loro volta, sono utili nello studio dei movimenti dei continenti e dei fondali oceanici nel processo della tettonica a zolle.

La magnetosfera è la regione sopra la ionosfera che è definita dall’estensione del campo magnetico terrestre nello spazio. Si estende per diverse decine di migliaia di chilometri nello spazio, proteggendo la Terra dalle particelle cariche del vento solare e dai raggi cosmici che altrimenti eliminerebbero l’atmosfera superiore, incluso lo strato di ozono che protegge la Terra dalle dannose radiazioni ultraviolette.

La Terra e la maggior parte dei pianeti nel Sistema Solare, così come il Sole e le altre stelle, generano tutti campi magnetici attraverso il movimento di fluidi che conducono elettricamente. Il campo terrestre ha origine nel suo nucleo. Questa è una regione di leghe di ferro che si estende per circa 3400 km (il raggio della Terra è di 6370 km). È diviso in un nucleo interno solido, con un raggio di 1220 km e un nucleo esterno liquido.

profondità

Il movimento del liquido nel nucleo esterno è guidato dal flusso di calore dal nucleo interno, che è di circa 6.000 K (5.730 ° C; 10.340 ° F), al confine nucleo-mantello, che è di circa 3.800 K (3.530 ° C ; 6.380 ° F). Il calore è generato dall’energia potenziale rilasciata da materiali più pesanti che affondano verso il nucleo (differenziazione planetaria, catastrofe di ferro) e dal decadimento degli elementi radioattivi all’interno. Il modello di flusso è organizzato dalla rotazione della Terra e dalla presenza del solido nucleo interno.

Il meccanismo con cui la Terra genera un campo magnetico è noto come effetto dinamo. Il campo magnetico è generato da un circuito di retroazione: i circuiti di corrente generano campi magnetici (legge circuitale di Ampère); un campo magnetico mutevole genera un campo elettrico (legge di Faraday) e i campi elettrici e magnetici esercitano una forza sulle cariche che fluiscono nelle correnti (la forza di Lorentz).

Il movimento del fluido è sostenuto dalla convezione, movimento dovuto alle differenze di densità. La temperatura aumenta verso il centro della Terra e la temperatura più alta del fluido più in basso lo rende meno denso.. Un effetto Coriolis, causato dalla rotazione planetaria complessiva, tende a organizzare il flusso in rotoli allineati lungo l’asse polare nord-sud.

Una dinamo può amplificare un campo magnetico, ma ha bisogno di un campo iniziale per avviarlo. Per la Terra, questo avrebbe potuto essere un campo magnetico esterno. All’inizio della sua storia, il Sole attraversò una fase T-Tauri in cui il vento solare avrebbe avuto ordini di grandezza del campo magnetico più grandi dell’attuale vento solare. Tuttavia, gran parte del campo potrebbe essere stato schermato dal mantello terrestre. Una fonte alternativa sono le correnti nel confine nucleo-mantello guidate da reazioni chimiche o variazioni della conducibilità termica o elettrica. Tali effetti possono comunque fornire un piccolo pregiudizio che fa parte delle condizioni al contorno per la geodinamo.

Il campo magnetico medio nel nucleo esterno della Terra si rivela essere 25 gauss, 50 volte più forte del campo in superficie.”  (Wikipedia).

Gauss fece l’ipotesi che il campo magnetico potesse essere generato da un magnete permanente posizionato nel mezzo della Terra. Comunque, questo sembra essere impossibile a causa delle alte temperature raggiunte nelle profondità della Terra. I magneti hanno infatti un limite nella temperatura di lavoro chiamato temperatura di Curie. Dopo aver superato questa temperatura, il magnete non è più attivo. Quindi l’effetto della dinamo di cui hai appena letto sopra deve essere considerato l’alternativa più valida.

Questo effetto dinamo è una teoria valida, coerente con il modello terrestre che ho sviluppato fino ad ora? Ho qualche dubbio Ad esempio, non posso essere d’accordo con l’ipotesi che la composizione del nucleo esterno sarebbe di ferro e nichel. Il nucleo interno è, a mio avviso, il bacino solido esterno che si estende in una lunga colonna o tunnel sotto il Polo Nord. È da lì che una colonna magnetica ottiene la sua origine.

profondità

Quindi, vorrei concludere che questo bacino che regge le profondità della Terra è composto da ferro sotto forma del suo ossido Fe3O4, cioè magnetite.

Ma per quanto riguarda le temperature? Concordo sul fatto che nel mantello le temperature diventano molto alte, ma negli strati inferiori probabilmente accade qualcosa di diverso. Lo vedremo nei prossimi articoli.


Le profondità della Terra piatta 1Michele Vassallo è un ingegnere meccanico. Nel 2015, quando scoprì il movimento emergente degli American Flat Earthers, si sentì stupito e affascinato. Presto si rese conto che la Terra non poteva essere un globo. Nonostante il fatto che gli argomenti venuti alla ribalta fossero e siano ancora incompleti e contengano molti errori, il concetto generale di una terra piatta sembra assolutamente degno di indagine.

Tra le sue migliori scoperte c’è la reintroduzione dell’etere nella fisica della terra piatta e una nuova visione della natura della luce.

E’ coautore del libro “The real measures of the (flat) Earth” edito da Aracne editore e del blog “rifugiatidipella.com“. Dal 2019 produce materiale video inerente la Terra piatta sul suo canale Youtube “earthmeasured”.